Si è conclusa ieri, Domenica 5 Agosto 2018, la manifestazione “VassInsieme, Premio Gabbiano Gianpiero Foglia”, che dal 2 del mese corrente ha animato la frazione Vassi di Giffoni Valle Piana. La serata, incentrata sulla solidarietà e l’accoglienza, è stata condotta da Anna Lanzalotti, la quale è riuscita a convergere le diverse opinioni dei premiati. Hanno introdotto il momento di dibattito Angela Maria Mele, vice sindaco locale, la quale ha ringraziato gli ospiti per la partecipazione e per la rete – tema ricorrente- costruitasi sul territorio regionale, e Valentina De Filpo, presidente de ‘Il Gabbiano’, che ha spiegato l’importanza della premiazione all’interno della manifestazione. E’ stato poi il turno dei premiati di prendere la parola, per raccontare le loro realtà e le loro esperienze di accoglienza. In primis, Matteo Marzano, presidente de ‘L’Abbraccio ONLUS’, che ha parlato del ristorante sociale nella sua sede situato e di varie attività, già concretizzate o ancora in progettazione, richiamando l’attenzione sulla figura del volontario che, secondo il suo parere, deve essere disponibile e responsabile. Poi, Rosario Vece, presidente ‘PT L’Altraitalia – Eboli’, che ha raccontato la sua realtà nel fenomeno dell’immigrazione e che ha voluto sottolineare il suo costruire rapporti proprio tramite il servizio e la fiducia; restano impresse le sue parole << Una sola famiglia, una sola realtà Prima l’uomo>>. E’ stato Anselmo Botte, della ‘CGIL Salerno’, a parlare dei flussi migratori sotto il punto di vista dello sfruttamento in lavoro nero, esprimendo il tema dell’accoglienza come un qualcosa di molto personale in quanto la sua famiglia, albanese, si trasferì nella provincia campana a partire dal 1500 circa. Ha quindi esplicato il suo progetto contro l’agricoltura illegale, nato in collaborazione con dei ragazzi di Giffoni e successivamente espantosi nel territorio. La parola è passata dunque ad Antonio Bonifacio, Direttore dell’ Ufficio diocesano Migrantes – Salerno’, il quale ha spiegato la situazione salernitana in merito all’emergenza migranti, trovando nel diverso uno spunto per la conoscenza globale del sociale che ha portato alla nascita della “Festa dei Popoli”, un evento salernitano che coinvolge circa 18 differenti comunità. E’ intervenuto quindi, Oreste Pastore, della Comunità di Sant’Egidio, che ha parlato dei corridori umanitari, nati  principalmente in seguito alla guerra in Siria, che hanno  favorito l’ingresso in Europa degli immigrati, successivamente accolti in famiglie ed associazioni, e che hanno anche supportato coloro rimasti nei campi profughi, maggiormente in quelli libanesi. Il dibattito è quindi giunto alla conclusione con opinioni personali dei vari ospiti sul tema dell’immigrazione e della solidarietà nel clima politico e sociale attuale. Si è quindi svolta la consegna del Premio Gabbiano 2018, a carico di Gerardo Delle Donne, Consigliere de ‘Il Gabbiano’.

Anche nell’ultima serata non è venuto a mancare il coinvolgimento della comunità nella Piazza del Popolo , grazie ai vari stand gastronomici e alla musica dal vivo dei finalisti del “Giffoni Festival Canoro 2018”, che hanno chiuso i quattro giorni di manifestazione con allegria e con l’attesa della ventiduesima edizione.

Alessia Foglia > Volontaria “Il Gabbiano”

IMG-20180806-WA0003 IMG-20180806-WA0005 IMG-20180806-WA0006 IMG-20180806-WA0012 IMG-20180806-WA0013 IMG-20180806-WA0016 IMG-20180806-WA0018